Edoardo Vignali
Sviluppo e Incisione
Tutorials -
Mercoledì 19 Maggio 2010 08:56
Scritto da Edoardo Vignali

Sviluppo e Incisione

Sviluppo e Incisione

ATTENZIONE: Questa parte è molto pericolosa, useremo delle sostanze che possono ustionare la pelle. Non entrate mai in contatto diretto con queste sostanze, tenetele lontano dalla portata dei bambini. Usate sempre una mascherina, guanti, occhiali e cercate di lavorare in spazi aperti.

Sviluppo

Una volta esposta la basetta alla luce UVA vedremo il nostro disegno in trasparenza (dipende dal tipo di fotoresist), lo sviluppo serve a sciogliere il fotoresist impressionato lasciando intatto quello non impressionato. Per fare questa operazione serve una vaschetta con una soluzione allo 0.7% di idrossido di sodio (comunemente noto come soda caustica) e acqua distillata. Il processo di sviluppo è molto veloce e si può seguire tranquillamente a occhio. Con un paio di pinzette di plastica immergete la basetta nella vaschetta con la soluzione sopra indicata e aspettate che si sciolga il fotoresist impressionato.

Questo processo è abbastanza veloce, quindi attenzione che non si sciolga anche il fotoresist non impressionato. Una volta finita l'immersione tirate fuori la basetta con un paio di pinzette di plastica e lavatela sotto acqua corrente in modo da togliere residui di soda caustica.

Incisione

Per l'incisione esistono vari tipi di sostanze, la più comune è il percloruro ferrico, ma potrete usare anche acqua ossigenata mista a acido cloridrico.

Il percloruro ferrico è un acido MOLTO inquinante, disperderlo nell'ambiente oltre che essere un atto vile è un reato, per smaltirlo aspettate di averne qualche litro e portatelo alle società che si occupano dello smalitmento dei rifiuti. Esistono delle sostanze che ne neutralizzano l'acidità ma resta comunque una sostanza altamente inquinante quindi non  potrete buttarlo nelle fognature neppure se inattivo.

Il percloruro ferrico si trova in commercio in grani da sciogliere in acqua distillata, io personalmente uso quello della Bungard. Con 800g di percloruro ferrico in grani e 1 litro di acqua distillata otterremo 1,2litri di soluzione, facendo una semplice proporzione troverete il dosaggio per la quantità di soluzione di cui avrete bisogno.

Per preparare la nostra soluzione dovremo scaldare l'acqua distillata e portarla a ebollizione incipiente, versatela poi in una vaschetta di plastica in cui precedentemente avrete messo la quantità giusta di grani di percloruro ferrico. Mescolate la soluzione con una bacchetta di plastica (se userete il ferro verrà corroso) e una volta sciolti tutti i grani la soluzione avrà un colore rossastro.

Potrete sospendere la vostra basetta nella soluzione con dei fili di cotone, in questo modo avrete un'incisione omogenea. Cercate di lasciare sempre molto spazio dal bordo della basetta al vostro circuito in fase di progettazione del master perchè le zone periferiche vengono mangiate molto di più.

La soluzione quando è nuova e soprattutto è calda incide in pochi minuti, mentre una soluzione usata può metterci anche una mezzora. Le macchine professionali per l'incisione tengono la basetta dentro alla soluzione in costante agitazione e vengono utilizzate delle pompette per ossigenare il percloruro.

 

Percloruro Ferrico

CC

 

Gioblu Robotics © 2010 - 2012 · Sitemap · privacy

gioscarab@gmail.com

Gioblu BOTServer è online dal 10 Aprile 2010 - 319.232 Visite - 1.027.175 Pagine visualizzate - 182.309 Visitatori unici - 536 utenti attivi